Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /home/content/76/7332076/html/onlinepokeritaliacom/wp-includes/vars.php:1) in /home/content/76/7332076/html/onlinepokeritaliacom/wp-includes/feed-atom.php on line 8
ONLINE POKER ITALIA | Guida al Poker Online in Italiano Blog sul Poker Online in Italiano 2013-10-13T07:56:50Z http://www.onlinepokeritalia.com/feed/atom WordPress poker <![CDATA[Gioco ufficiale del torneo]]> http://www.onlinepokeritalia.com/?p=3557 2013-03-08T14:58:10Z 2013-10-13T07:56:50Z Continue reading ]]> Il nuovo gioco ufficiale del torneo World Poker Tour si chiama official fantasy poker game, ed è stato annunciato ieri dai rappresentanti del torneo e dalla Zokay Entertainment, la proprietaria sia del Global Poker Index che del Fantasy Poker Manager. L’accordo durerà tre anni, e come sapete questo gioco è stato lanciato da qualche settimana. Potete accedere a questo gioco su Facebook se volete e Assopoker all’interno ha una sua lega ufficiale. Più di 20 eventi targati WPT saranno teatro di altrettante tappe del social game, durante le quali gli appassionati potranno interagire sia con i più forti poker pro del mondo – anch’essi preda della mania di Fantasy Poker Manager sia con i propri amici.

Il World Poker Tour è un brand famoso in tutto il mondo. Legarsi al WPT porta ancora più attenzione anche al Fantasy Poker Manager, permettendoci di raggiungere il nostro obiettivo di mettere insieme i fans con i professionisti del poker, ha dichiarato soddisfatto Alexandre Dreyfus, CEO di Global Poker Index e di Fantasy Poker Manager. Gli fa eco Steve Heller, CEO del WPT: Il Fantasy Poker Manager è un grande strumento per gli appassionati di poker di tenersi aggiornati sull’andamento dei propri beniamini nei tornei del World Poker Tour. E’ un modo divertente per seguire il tour lungo tutto l’anno, e anche per competere con gli amici e potersi vantare di avere operato le scelte migliori.

Nel frattempo, non dimenticate che avete ancora un giorno di tempo per mettere a punto il vostro team al WPT Baden, iniziato ieri in Austria e che oggi vivrà il suo day 1B. Il WPT provvederà alla copertura mediatica di ogni evento con puntuali e dettagliati chipcount, insieme ad altre coinvolgenti iniziative social, mirate ad allargare ulteriormente il già enorme numero di praticanti di questo nuovo e coinvolgente gioco. Per il terzo anno consecutivo le raffinate ed evolute menti della Silicon Valley hanno battuto i professionisti del World Poker Tour, nell’evento benefico inaugurale del WPT Bay 101 Shooting Star a San José.

Nonostante un field eccezionale del World Poker Tour che poteva vantare giocatori del calibro di Shannon Shorr, Jonathan Little, Joe Serock, Faraz Jaka, Dan O’Brien, Jason Sommerville, Tommy Vedes e Noah Schwartz, solo Dan Smith è riuscito a qualificarsi per il tavolo finale tra i pro. Anche quest’anno, i nerd della Silicon Valley si sono impossessati delle primissime posizioni: ha vinto il guru di Google Shishir Mehrotra che ha avuto la meglio su Nancy Albertini e Amar Anand che rappresentava il social network Twitter. Il particolare più importante è che sono stati raccolti 25.000 dollari che andranno a finanziare il Computer History Museum. Erano rappresentate le più importanti aziende della zona, compresa l’italiana Cisco. C’è da dire che la struttura del torneo non era certo deep e inoltre i 20 poker pro erano in netta minoranza ed hanno dovuto tenere botta agli assalti di circa 70 esperti dell’high tech e dell’alta finanza, ma perdere per tre anni di seguito sul proprio terreno è comunque significativo.

]]>
poker <![CDATA[Un nuovo acquisto per PokerStars]]> http://www.onlinepokeritalia.com/?p=3554 2013-03-08T14:56:20Z 2013-10-12T07:55:10Z Continue reading ]]> Dopo aver ingaggiato come testimonial Rafael Nadal Pokerstars ha deciso di rafforzare ancora di più la sua immagine in Spagna, facendo firmare un contratto alla famosissima giocatrice di poker Leo Margets. L’affascinante Margets in questo modo andrà a sostituire il ruolo che nel passato era coperto da Ana Marquez, che ha da poco divorziato dal team di professionisti più prestigioco del mondo, quello di PokerStars. La nuova arrivata ha esordito a un torneo dell’European Poker Tour nel passato. Ha 29 anni, è di Barcellona, e ha studiato Economia a Londra. È un’esperta nella comunicazione aziendale, ed è ossessionata dalla sua forza fisica: ha infatti preso parte a diverse maratone in tutto il mondo.

La svolta della sua carriera nel 2009, quando nel Main Event delle World Series si rivela al mondo del poker: è protagonista di un’entusiasmante deep run che la proietta al 27esimo posto, facendole guadagnare un assegno da oltre 350.000 dollari. Da quel momento diventa una delle icone femminili del circuito mondiale. Nel 2010, all’Aussie Millions in Australia, si classifica terza nell’evento Six Handed No Limit Hold’em. Nello stesso anno vince le Full Tilt Poker Master Series e l’anno scorso, a Montecarlo, si aggiudica il Ladies Event del Grand Final dell’European Poker Tour, battendo in heads-up la nuova compagna di team Victoria Coren.

Nel Main Event della tappa monegasca centra anche un 57esimo posto. Il 2012 è stato il suo anno d’oro con tre piazzamenti in the money alle WSOP e un 42esimo posto in casa, all’European Poker Tour di Barcellona. La guapa spagnola ha incassato 770.000 dollari in vincite lorde nei tornei live. Vive a Londra e con la patch della picca rossa potrebbe consacrare definitivamente la sua carriera nel live.Da poche ore il Team Pro di PokerStars ha dato il benvenuto ad un nuovo giocatore, ma in questo caso è meglio parlare al femminile. La talentuosa e bella spagnola Leo Margets ha firmato un contratto che la lega alla room dalla picca rossa. La sua carriera è nata nel 2007: il suo ragazzo le insegnò le prime basilari regole del gioco e l’apprendimento di Leo fu molto veloce.

Nel 2009, infatti, ebbe il bankroll necessario per iscriversi al Main Event delle WSOP e il risultato fu subito di rilievo: con un ottimo 27esimo posto vinse ben 353.000 dollari. Da allora il suo nome ha iniziato a girare nei vari circuiti live: ha vinto le Full Tilt Master Series a Lloret de Marnel, nel 2010 partecipò ad un tavolo finale in un side event dell’Aussie Millions, mentre, poco meno di un anno fa, si è aggiudicata il primo posto al Ladies Event durante il Grand Final dell’European Poker Tour. Da maratoneta quale è, partirà con i favori del pronostico per la Vertical Rush: una sfida sportiva di beneficenza che si svolgerà a Londra e che consiste nello scalare la London Tower, ben 920 gradini. L’esordio al tavolo verde avverrà sempre a Londra durante l’Europeran Poker Tour e Leo Margets non sta più nella pelle.

]]>
poker <![CDATA[Acquisto delle WSOP]]> http://www.onlinepokeritalia.com/?p=3551 2013-03-08T14:54:43Z 2013-10-11T07:53:31Z Continue reading ]]> La portavoce della sala da poker più famosa del mondo Pokerstars, Eric Hollreiser, ha rivelato che pare che la Caesars Entertainment abbia proposto alla sala di poker di comprare alcuni assetti, tra cui il casinò di Rio e le World Series of Poker. Il prossimo passo da compiere quale sarà? Probabilmente acquisteranno il salotto di casa nostra per metterci un cartellone pubblicitario durante le partite che guardiamo con gli amici. A parte gli scherzi, pare che PokerStars sembri fare sul serio anche nel mercato del poker dal vivo, e dopo che ha aperto le sale di Madrid, Londra e Macao e che ha acquistato il casinò di Atlantic City, potrebbe anche mettere le mani sulle World Series of Poker.

La notizia arriva proprio il giorno dopo la richiesta dell’American Gaming Association, fatta al New Jersey Casino Control Commission, di negare a PokerStars la licenza per poter gestire l’Atlantic Club di Atlantic City. A lanciare per primo questa notizia bomba è stato Forbes.com, riportando le dichiarazioni di Eric Hollreiser, portavoce della poker room leader del mercato mondiale. In realtà, si apprende addirittura come sia stata la stessa Caesars Entertainment Corp a proporre a PokerStars l’acquisizione di diversi asset, come ad esempio il Rio Casino di Las Vegas e lo stesso brand delle WSOP. Tuttavia Hollreiser ha reso noto come Stars abbia per il momento rifiutato la proposta, non volendo investire ulteriormente su un altro casinò.L’Atlantic Club Casino.

Ma quel nel breve periodo aggiunto al termine della dichiarazione da Hollreiser lascia aperto più di uno spiraglio. Pensate cosa vorrebbe dire per PokerStars, già superpotenza del poker online, mettere le mani su quello che, senza possibilità di smentita, è il circuito pokeristico più famoso, prestigioso e anche antico del mondo. E a ben leggere, Hollreiser non ha commentato la possibilità di acquistare il marchio WSOP, ma solo quella di comprare il Rio. Non è la prima volta, però, che la Caesars Entertainment cerca di sbolognare le World Series of Poker. Già in passato c’erano stati tentativi di vendere il Rio Hotel and Casino, tutti andati a vuoto. Molti ritengono che le WSOP andrebbero spostate, magari proprio al Caesars Palace, dato che oltre ad ospitare la kermesse, il Rio non è di molta utilità all’azienda.

Ora che il marchio WSOP è ufficialmente sul mercato, è probabile che qualcun altro si faccia avanti per cercare di acquistarlo. Magari anche qualche colosso del gambling non americano. Vi immaginate se le World Series of Poker dovessero abbandonare Las Vegas per trasferirsi magari a Macao? Per il momento sono solo speculazioni: i veri effetti di questa notizia-bomba li vedremo sicuramente più avanti. Caesars Entertainment ha acquistato il brand WSOP, insieme con il Binion Horseshoe Hotel Casino nel 2004 per 917 milioni dollari. La società ha poi venduto il casinò di Vegas pochi giorni dopo, mantenendo solo il marchio delle World Series. Il Rio invece è il simbolo delle WSOP, considerando che si giocano dal 2006 in quella location. Il casinò è stato inaugurato nel 1990 e Harrah’s l’ha acquistato nel 1999 per 888 milioni di dollari.

]]>
poker <![CDATA[Un italiano terzo]]> http://www.onlinepokeritalia.com/?p=3548 2013-03-08T14:53:17Z 2013-10-10T07:52:07Z Continue reading ]]> È stata una giornata veramente lunghissima quella del Mini Italian Poker Tour di Saint Vincent, in cui Bal Didier si è riconfermato in testa alla classifica, seguito da due italiani, Filippo Bisciglia e Lorenzo Fedeli. Ottimo podio per l’ex grande fratello Filippo Bisciglia che si piazza terzo nel Mini Italian Poker Tour di Saint Vincent. A vincere è il fortissimo Grzegor Gosk, il player polacco si porta a casa picca e prima moneta da ben 50.000 euro. Dopo quasi sette ore di final table è Grzegor Gosk a vincere il Mini IPT Saint Vincent, sconfitto nell’heads up finale un comunque bravo Klejd Brahimaj che si arrende al termine di questa mano: su un board con A-5-Q-K il polacco esce bettando per circa 250.000 fiches.

Per l’albanese una seconda posizione da 33.000 euro. Finisce sul podio anche l’ex grande fratello del team PokerClub Filippo Bisciglia, che incassa i 18.500 euro del terzo premio precedendo nell’ordine Lorenzo Fedeli, quarto con 12.220 euro di vincita, ed il chipleader di inizio giornata Didier Bal che deve accontentarsi dei quasi 10.000 euro del quinto posto. I tre sono raccolti in una pila da 500mila fiches anche se Fedeli tallona Bal ad appena un buio e Bisciglia è un po’ più dietro a 1.8 milioni di chips. Fedeli è in formissima e all’Italian Poker Tour ha già due itm e un final table ma al main event.

È ormai esperto sia di tornei a low buy in che dei principali main event italiani. Oggi proverà anche lui a dare quel colpaccio che legittimerebbe i tanti risultati centrati fino a qui. Non ce la fanno ma ben figurano Francesca Pacini e Gerardo Dino Break Muro, che però continuano a macinare risultati. La bella player romana ‘runna’ sia online che live quindi mentre Dinobreak macina bandierina in attesa però del grande colpo che, è inutile negarlo, manca al pro di Snai. Al rientro dalla pausa cena sale in cattedra Filippo Bisciglia, friend e pro di Poker Club Lottomatica, che prima fa fuori il suo omonimo Filippo Voconi chiudendo un full house al river dopo essere andato comodamente ai resti sul flop con un trips di 8 e poi incremente lo stack eliminando anche Luca Calosso AQ conro K10, come racconta il blog.

Peccato anche per Delfo Chialva che viaggiava sulle posizioni alte del chip count per buona parte della giornata. Out anche Gabriel Iemmito e Mattia Pozzi. I premi Italian Poker Tour sono sempre molto selettivi ed ecco anche che il final table di oggi premia con 50.000 euro il primo ma non sarà contento il nono che prende 3.100 euro e per salire di moneta bisogna chiudere minimo in quarta posizione.
Tra gli altri finalisti del Mini IPT, targato PokerStars, Vincenzo Di Coste si piazza in sesta posizione con 7.500 euro di premio, Roberto Sansone in settima, Leonardo Franci in ottava e Robeto Elicona in nona. Adesso tutta l’attenzione del grande pubblico passa al Main Event dell’Italian Poker Tour che comincerà questo pomeriggio alle 14.00 sempre nella poker room del Casinò Municipale di Saint Vincent.

]]>
poker <![CDATA[Un fondo comune]]> http://www.onlinepokeritalia.com/?p=3542 2013-03-08T14:48:25Z 2013-10-09T07:47:35Z Continue reading ]]> Sono in atto le trattative tra i principali paesi europei che possiedono delle concessioni, con l’obiettivo di creare una liquidità comune. Se l’obiettivo si dovesse concretizzare quali numeri si potrebbero raggiungere? Il poker gratis online sta subendo un’evoluzione a livello mondiale, ma pare che sia una fase abbastanza transitoria. In America si sono mossi i primi passi verso l’apertura del poker tra stati, mentre parte che in Europa ci sia una divisione tra le sale di poker europee e il progetto di liquidità condivisa tra i paesi che prevedono delle licenze. In quest’ultimo caso, il successo dell’operazione non può prescindere dal numero e dalla qualità dei bacini d’utenza che verrebbero coinvolti. Cerchiamo di fare un’analisi, per quanto sia difficile con i dati attualmente a disposizione.

Partiamo dunque da un caso limite, quello del Sunday Millions di PokerStars.com, che domenica, per festeggiare il settimo compleanno, ha messo in palio 7 milioni di dollari garantiti. L’evento ha raggiunto i 49.287 iscritti, riservando al vincitore poco meno di 850.000 dollari. Il normale Sunday Millions, invece, di solito fa registrare intorno ai 7.000 giocatori. L’italiano Sunday Special, infine, circa 2.000. Supponendo che in una prima fase a unire la propria liquidità siano soltanto Italia e Spagna, come sembra sempre più probabile, i numeri non dovrebbero spostarsi di troppo verso l’alto (come abbiamo già avuto modo di vedere, sarebbe un vantaggio solo per il piccolo mercato iberico). Aggiungendo la Francia, un torneo come il Sunday Special potrebbe forse arrivare intorno ai 5.000 giocatori di media.

Inserendo in questa liquidità comune anche Portogallo e Germania probabilmente si riuscirebbe a raggiungere le cifre delle sale da gioco .com, e magari anche a superarle, dopo il probabile boom iniziale dettato dalla novità e dalla voglia dei player dei rispettivi paesi di potersi confrontare con gli stranieri, e il conseguente assestamento. Naturalmente un discorso simile è replicabile anche per la modalità cash game. Tuttavia come si evidenzia in questi giorni negli states dove il fermento dei regolamenti interstatali è altissimo, lo scoglio più grosso rimane sempre e solo l’armonizzazione delle aliquote di tassazione. Il Nevada ha deciso di aumentare le tasse sul poker online rimanendo comunque bassissimo rispetto ad altri Stati.

Specie rispetto ad una forbice che in Europa va dal 15 al 20%. Quindi scendere, o viceversa, dal 20 a 6/7 punti percentuali non sembra affatto facile. Anzi. La rigidità delle leggi americane e le ritrosie di governi come il New Jersey solo a partire con la regolamentazione sembrano barriere altissime da superare. Per non parlare di quello che potrebbe succedere in Europa. La Francia tassa pesantemente, l’Italia ha trovato un discreto equilibrio. La Spagna è ancora in un’altra direzione, la Germania è in alto mare così come altri paesi. Insomma il percorso è a ostacoli e non è neanche tanto breve da ultimare. Purtroppo questa lungimiranza non è dei nostri politici né dell’Europa che guarda, stimola, segue ma non indirizza come dovrebbe questo percorso. Figuriamoci se parlando di poker online gratuito. Ma le speranze sono alte, e non vogliamo mollare.

]]>
poker <![CDATA[Prima Vienna poi il festival]]> http://www.onlinepokeritalia.com/?p=3539 2013-03-08T14:47:33Z 2013-10-08T07:46:50Z Continue reading ]]> Dopo che ha confermato il suo accordo con il team di GD poker, Giovanni Rizzo ha continuato a programmare la sua stagione nuova di poker dal vivo. Si è messo in testa di partecipare a tutti gli eventi europei migliori, e alle World Series of Poker, per poter finalmente vincere il tanto desiderato braccialetto. L’anno si è concluso con moltissimi risultati per il campione di poker professionista padovano, che si prepara ad un nuovo anno pieno di appuntamenti per il poker dal vivo. Ci sono già tanti tornei in programma, e il primo dovrebbe essere il World Poker Tour di Vienna, come ha confermato il campione sul suo blog. Bando alle ciance, ecco i festival nei quali mi avventurerò in questo anno.

A febbraio, trasloco permettendo, visto che sto per cambiare casa con la mia ragazza, proverò ad essere al WPT Vienna, che tra l’altro si accorpa al festival dei Mind Sports con interessanti proposte non solo per i poker player ma anche per i gamer a tutto tondo: E-Games, Magic, addirittura scacchi e scarabeo high stakes! Dovrebbe essere una tappa fantastica oltre al fatto che Vienna ha un posto speciale nel mio cuore. La seconda tappa, invece, sarà a Venezia dove Giovanni parteciperà agli eventi sponsorizzati dalla room di GDpoker : “A marzo ovviamente ci sarà il festival del poker italiano per eccellenza: il Festival del Poker di Venezia.

Sponsorizzato da GDPoker, il festival darà vita ad una dieci giorni di tornei ed eventi speciali racchiusi tra i main di WPT National e global, nella cornice spettacolare di Ca’ Vendramin, il casinò più antico e suggestivo del mondo. Con l’arrivo della bella stagione, poi, sarà divertente girare con gli amici per i baccari a provare le delizie locali, ed affogare le bad beat in un “gotto” de rosso e un bel piatto di schiette e polenta. Poi, ovviamente, tutta l’attenzione sarà rivolta alle prossime World Series of Poker di Las Vegas: con l’arrivo dell’estate sarà ovviamente tempo di WSOP, alla caccia del braccialetto. Come sempre mi fermerò a Vegas per un bel po’ e terrò anche un blog nonsolopoker per GDpoker, essendo ormai un veterano della zona, con consigli a tutto tondo su come prendere il meglio dalla città delle mille luci e con report dell’avventura italiana a Sin City.

Oltre a questo ovviamente, tanto tanto poker giocato. Oltre al Main Event, sempre e comunque il torneo dell’anno, tanti eventi delle mie amate varianti, e tanto cash game di omaha hi-lo e horse. In autunno invece nessuna città ha lo stesso fascino di Praga: il Prague Poker Festival è sempre più punto nevralgico per i poker player europei, con due settimane intensissime di eventi tra WPT, EPT e GSOP per chiudere l’anno in bellezza. Ovviamente il calendario per un poker player è sempre aperto, e giocherò ovviamente tutti gli eventi GD più altri eventi italiani, ma questi festival internazionali saranno l’asse portante del mio anno dal vivo. Auguriamo a Giovanni Rizzo tutta la fortuna del mondo, e speriamo che continui con questi successi che sta ottenendo.

]]>
poker <![CDATA[I segreti rivelati]]> http://www.onlinepokeritalia.com/?p=3536 2013-03-08T14:46:46Z 2013-10-07T07:46:05Z Continue reading ]]> La nostra campionessa di poker e presentatrice Kara Scott ci spiega che non si diventa personalità dell’anno del poker a caso. Ringrazia tutti quelli che hanno votato per lei ai British Poker Awards, e dice di essere dispiaciuta per le persone, lei compresa, che hanno votato Victoria Coren, che secondo Kara resta comunque la numero uno. È in ogni caso felicissima e quindi dato che si trova in Francia per il World Poker Tour ci dedica una frase in lingua originale: c’est tres formidable. Da anni la canadese è il volto di PartyPoker, anche se non ha mai rinunciato alla sua passione per il gioco. Fascino e intelligenza si incontrano nella splendida ragazza, vincitrice del premio Personality of the Year. Tuttavia, la sua più cara amica nel mondo del poker Victoria Coren si consolerà con la vittoria nella categoria Best Social Media User ai recenti British Poker Awards.

La bella giocatrice britannica, che negli anni abbiamo imparato a conoscerla non solo ai tavoli da poker live, ma anche durante le sue varie apparizioni in eventi di poker live in giro per il mondo come hostess, rende noto a tutti i suoi fan della sua pagina di Facebook la sua recente vittoria agli British Poker Awards. Comunque la bella Kara Scott ora è li in Francia a godersi questo premio appena ricevuto, dove oggi sarà seduta al day1 del WPT presso l’Aviation Club de Paris, in cerca del suo primo successo a livello internazionale, quel successo fino ad oggi solo sfiorato come quel secondo posto all’Irish Open dello scorso aprile, che comunque le ha regalato la sua miglior vincita fino ad oggi, ben €312,600.

Protagonista annunciata del prossimo Wpt di Venezia, Kara ci ha rilasciata un’intervista che sarà pubblicata in esclusiva nell’edzione del martedì de Il Domani dello Sport/TS. Nell’attesa, ecco il videorealizzato per Party Poker durante la sua ultima presenza al Wpt lagunare. Nato il 11 agosto 1977 in Alberta, Canada, Kara Scott è un giocatore di poker professionista, Scott si trasferì nel Regno Unito nel 1999 e ha lavorato nei media britannici fino al 2009 quando si trasferì in California, dove ha ospitato il programma televisivo backgammon in combinato disposto con l’Magriel Paul e John Clark. Kara era anche l’ospite di “Poker Night Live” e ha scritto diversi articoli per il “Poker Player Magazine” e Card Player Magazine.

Ha partecipato come attore in diversi tornei di poker in onda in diretta tv. Ha vinto il “calore celebrità” Party Poker nel 2007, e nel 2008 ha vinto il PartyPoker Sports sfida Star, quindi non è sorprendente che Kara Scott è sponsorizzato da Party Poker! Nel 2010, gli utili totali di Ther tornei di poker dal vivo superato il 550.000 dollari. Finalmente la bella e grava giocatrice di poker live, nonché hostess per la poker room online PartyPoker, Kara Scott, ha potuto esplodere di gioia questo week-end avendo vinto il British Poker Award come personalità dell’anno. Continuiamo a seguire la nostra campionessa Kara Scott in tutte le sue peripezie, e speriamo che vada avanti e così e continui ad ottenere moltissimi successi.

]]>
poker <![CDATA[Tifiamo per Dario]]> http://www.onlinepokeritalia.com/?p=3533 2013-03-08T14:46:00Z 2013-10-06T07:45:10Z Continue reading ]]> Direttamente dal profilo ufficiale di Facebook il campione Dario Minieri ha deciso di commentare la prossima sfida tra il team di PokerStars, guidato da Daniel Negreanu, e quello di Full Tilt Poker, che è invece capitanato da Gus Hansen. Come abbiamo già detto qualche giorno fa l’European Poker tour di Londra sarà un’occasione per vedere all’opera tantissimi campioni europei e americani del poker dal vivo. Nello stesso giorno in cui comincerà l’evento principale, si terrà anche una sfida molto particolare, tra le due poker room più conosciute al mondo: PokerStars e Full Tilt Poker. Naturalmente la battaglia ha avuto l’attenzione che si merita da parte dei media, ma anche di molti top player. Come ad esempio il nostro Dario Minieri, che attraverso la sua pagina di Facebook ha reso noto a chi andrà il suo tifo.

Nella sfida principale, quella da cui tutto è nato, ovvero Negreanu contro Hansen, Dario ha scrito che tiferà per Daniel perché è una leggenda di questo gioco e deve vincere. Tra Viktor Blom e Bertrand ‘ElkY’ Grospellier, invece, il player romano ha scelto Blom “perché è il mio idolo”. Per quanto riguarda Isaac Haxton contro Tom Dwan, Minieri difende i colori di casa e parteggia per Haxton perché tifo PokerStars. Ricordiamo che la battaglia tra il Team PokerStars e il Team Full Tilt Poker è nata dopo uno scambio di tweet tra Hansen e Negreanu, che si sono stuzzicati a vicenda su chi dei due, in un loro eventuale incontro pokeristico, avrebbe la meglio. Alla fine la sfida si è allargata ad altri due membri delle rispettive poker room, in quella che secondo molti è stata una mossa pubblicitaria ben congegnata.

I termini dello scontro sono chiari: si gioca al meglio dei tre heads-up, ogni sfida vale 50.000 dollari e si gioca sì dal vivo, all’EPT di Londra, ma attraverso laptop. La piattaforma scelta dovrebbe essere quella di Full Tilt Poker, anche se questo dettaglio potrebbe pure cambiare. Quando si scontrano sei campioni di questo calibro, fare pronostici è come centrare un terno al lotto. Tra Negreanu e Hansen la sfida è apertissima, non solo perché sono due grandissimi campioni, e sotto questo punto di vista partono alla pari, ma anche perché il primo non gioca più molto online, mentre il secondo ultimamente non sta ottenendo risultati eccellenti.

Per quanto riguarda Blom e Grospellier, il ragionamento è simile e per certi versi opposto. Anche loro sono due fenomeni, come Negreanu e Hansen, ma a differenza di questi due, online continuano a cavarsela decisamente bene. Blom soprattutto che ha avuto un inizio 2013 decisamente strepitoso: probabilmente ora come ora, almeno a livello di fiducia in se stesso, potrebbe avere qualcosa in più di Grospellier. Forse Haxton contro Dwan è il match più pronosticabile. Ci sono pochi giocatori al mondo bravi in heads-up quanto Isaac Haxton, e Dwan non viene da un periodo felicissimo. Lo stesso Haxton ha recentemente dichiarato apertamente di pensare di avere un vantaggio su durrr. Noi seguiremo Dario Minieri che rimane sempre il nostro preferito online e dal vivo.

]]>
poker <![CDATA[La sfida di Infostrada]]> http://www.onlinepokeritalia.com/?p=3530 2013-03-08T14:44:48Z 2013-10-05T07:43:55Z Continue reading ]]> La sfida organizzata da Infostrada è sicuramente uno degli eventi più interessanti che il poker italiano offre. In questo torneo emozionante ci saranno giocatori di otto sale da poker più importanti che operano sul mercato italiano. Tra tutti i giocatori impegnati in questo torneo, quali sono quelli che si sono maggiormente distinti? Forse il nostro sarà un parere che molti considereranno affrettato, visto che il torneo non si è ancora terminato, ma possiamo affermare, con una certa sicurezza, che c’è un unico uomo chiave di questo torneo. E questo è Max Pescatori. Il pirata è riuscito a imporre il proprio gioco in diverse occasioni, e contro avversari di tutto rispetto.Anche nel Sit and Go riservato ai capitani delle squadre partecipanti a questo evento il suo gioco è risultato essere quello più solido.

Fatto non del tutto inaspettato dato che lo ha portato a vincere, durante la sua carriera di giocatore professionista, ben due braccialetti delle WSOP. Fin dall’avvio delle ostilità è stato chiaro che le poker room con le maggiori probabilità di aggiudicarsi la classifica finale, e quindi essere dichiarata vincitrice indiscussa del torneo, erano GD Poker, e People’s Poker. I colpi di scena più significativi hanno visto confrontarsi proprio i giocatori di queste due poker room. Senza dimenticare che sono stati i giocatori che sono riusciti a guadagnarsi le posizioni migliori nelle fasi conclusive degli eventi conclusi fino a questo momento. Pescatori non è stato comunque l’unico membro della squadra di GD Poker ad aver ottenuto dei risultati più che importanti. La bellissima, ma anche preparata, Carla Solinas è riuscita a conquistare parecchi punti per la quadra.

Infatti, se Pescatori è riuscito a sconfiggere i capitani delle altre squadre, a Carla Solinas va il merito di aver battuto le altre concorrenti nel Sit And Go dedicato alle Donne. La vittoria della Solinas, insieme a quella di Pescatori, hanno contribuito a permettere alla squadra di GD Poker di sorpassare quella di People’s Poker nella classifica del Challenge di Infostrada. I giochi non sono ancora finiti, ma psicologicamente la squadra di GD Poker sembra avere quella sicurezza necessaria a ottenere dei grandi risultati. Sicurezza che è stata ampliamente dimostrata da Max Pescatori quando ha affrontato, e sconfitto, Vito Erasmo Labarile, il capitano di People’s Poker. Molte squadre ormai non possono più pensare di ottenere dei risultati, di squadra, degni di nota.

Questo è, per esempio, il caso di Snai, Iziplay, e Unibet, che devono sperare in un vero e proprio miracolo per risalire la classifica. Anche se nel Main Event i giochi sono quasi conclusi, e quindi la cosa è alquanto improbabile. Betpro, Winga e Sisal sono invece le tre squadre che si contenderanno la terza posizione del podio, anche se Betpro parte svantaggiata nei confronti delle altre due squadre, visto che ha collezionato 20 punti in meno. Come abbiamo detto in precedenza, le squadre che più facilmente competeranno per la prima posizione sono GD Poker, e People’s Poker. Voi su chi volete scommettere? Noi siamo qui a tifare per il nostro Max Pescatori e siamo sicuri che come sempre otterrà dei risultati eccezionali.

]]>
poker <![CDATA[L’allenatore della Juventus]]> http://www.onlinepokeritalia.com/?p=3527 2013-03-08T14:43:46Z 2013-10-04T07:42:59Z Continue reading ]]> Cosa succede quando un campione del mondo di poker diventa l’allenatore di una squadra campione d’Italia? Da domani il campione di poker Luca Pagano del team di PokerStars sarà l’allenatore dei giocatori della Juventus, più nello specifico di Simone Pepe, Fabio Quagliarella, Mirko Vucinic e Alessandro Matri, che saranno degli aspiranti pokeristi alle prese con delle lezioni di poker, tra doppi sensi e tantissime risate. Nelle parole di Luca Pagano un assaggio di quello che vedremo online: è stato divertentissimo registrare con loro, non si riusciva a stare seri, e infatti il filmato del backstage ne è testimone, ma l’espressione di Quagliarella quando ha visto che doveva indossare un uncino è stata unica!

I video sono stati girati nello Juventus Training Center di Vinovo, con alcuni giocatori della Juventus in rappresentanza della Squadra, e sono disponibili online anche sulla pagina Facebook e sul canale YouTube ufficiali della Juventus. L’iniziativa nasce per valorizzare la partnership tra PokerStars.it e Juventus. Oltre ai diritti di visibilità, numerosi strumenti di PR hanno permesso di sviluppare diverse iniziative dedicate ai tifosi pokeristi come la possibilità di vincere i biglietti per lo Juventus Stadium o di incontrare i giocatori in trasferta. Occasioni imperdibili ed indimenticabili, come ha confermato Luca Pagano in occasione della realizzazione dei video. “Andare allo Juventus Stadium è come vedere uno spettacolo.

Questi i prossimi appuntamenti di allo stadio con PokerStars: Walkabout, Juventus-Palermo, PokerStars offre la possibilità di vedere la partita dalla tribuna dopo una emozionante visita delle aree più esclusive dello Juventus Stadium, come sala stampa, spogliatoi e molto altro ancora. Face to Face: Lazio- Juventus, l’esclusiva occasione di incontrare i giocatori della Juventus la sera prima del match e di vedere la partita seduti comodamente in tribuna. Per qualificarsi basta giocare i tornei Freeroll settimanali o i tornei da 1 euro tutte le sere! È ufficiale, Luca Pagano è il nuovo poker coach della Juventus. La divertente iniziativa nasce proprio per valorizzare la partnership tra Pokerstars.it e la Juventus F.C.

Il video che vi presentiamo in questo articolo è solo il primo di una lunga serie e vedrà come protagonisti un severo allenatore Luca Pagano e quattro giocatori della Juventus tutti da educare ed iniziare al poker sportivo. I giocatori che si sono prestati ai video-skatch sono Alessandro Matri, Mirko Vucnic, Fabio Quagliarella e Simone Pepe. La partnership che evidentemente è uno scambio di visibilità ed uno strumento di Public Relations formidabile per entrambi i marchi darà la possibilità anche i players-tifosi di usufruire di alcune iniziative gradevoli. Attraverso tornei ad hoc su Pokestars si potranno vincere tickets per le partite della Juve, visite guidate allo Juventus Museum e ci sarà anche la possibilità di incontrare i giocatori della Juventus sia per i match casalinghi che per quelli in trasferta così da dare pari opportunità ai tifosi-players sparsi per la Penisola.

]]>